Prestito tra privati con bonifico

I piccoli prestiti tra privati, soprattutto tra amici e parenti, sono molto diffusi al giorno d’oggi. Prima di rivolgersi a una banca infatti proviamo a chiedere il denaro di cui abbiamo bisogno a un conoscente che si trova in una situazione economica migliore della nostra. Per non avere problemi di sorta, e risultare regolare agli occhi di fisco e finanza, il prestito di denaro – seppure tra amici e parenti – deve avvenire tramite bonifico bancario. Questo metodo ci permette di rendere il finanziamento legale e tracciabile, e di giustificare come abbiamo ottenuto una cifra magari anche cospicua in poco tempo. Per capire meglio i dettagli di un prestito tra privati è possibile consultare il sito internet Iprestitiaprivati.it, oppure proseguire nella lettura per scoprire come renderli regolari grazie alla procedura del bonifico.

Sulla causale del bonifico dovremo inserire la natura del finanziamento. Per esempio possiamo prestare il denaro per aiutare un figlio con delle spese improvvise, contribuire magari al suo matrimonio, oppure ancora possiamo dare la somma a un amico che si trova in cattive acque finanziare, eccetera. Qualunque sia la ragione per cui stiamo procedendo nel prestito, dovremo specificarla nella causale. Non dobbiamo confonderla però con la finalità del prestito: quest’ultima infatti indica come il richiedente intende spendere i soldi ricevuti, il motivo per cui li ha chiesti, non il pretesto per cui li ha ottenuti.

Se la somma da trasferire è molto alta, sarà bene registrare l’atto dal notaio e con l’aiuto di 2 testimoni, al fine di tutelare sia il prestatore che il richiedente. È possibile anche regalare una certa quantità di denaro, e per non incappare in problemi o ripensamenti sul contratto dovrà essere riportato tale dettaglio, e sulla causale del bonifico dovremo specificare che si tratta di una donazione e non di un prestito. Per piccole cifre non dovremo coinvolgere un professionista, ma sarà bene comunque provvedere a stilare una scrittura privata. Questa sorta di contratto tra le due parti ci chiarisce i principali dettagli del finanziamento, la sua natura – prestito fruttifero, ovvero quando sono previsti gli interessi, prestito infruttifero o regalo – e il piano di restituzione del denaro.